Ricerca Autori

Autori lettera D

    Lynda Dematteo

    Lynda Dematteo

    Lynda Dematteo (Lille, 1974) è antropologa presso l'Istituto interdisciplinare di Antropologia del contemporaneo, Cnrs-Ehess, di Parigi. Ha insegnato all'Università di Montréal, in Canada, e di Lille, in Francia. Feltrinelli ha pubblicato L’idiota in politica. Antropologia della Lega Nord (2011).

    Vai alla scheda >>

    Guy de Maupassant

    Guy de Maupassant

    Henry-René-Albert-Guy de Maupassant (Tourville-sur-Arques, 1850 – Parigi, 1893) è stato uno dei massimi autori dell’Ottocento francese, rappresentante di spicco di una letteratura realista che non rinuncia al sentimento e all’invenzione. Considerato uno dei più grandi autori di narrativa breve di ogni tempo, annovera fra i suoi capolavori le novelle Palla di sego (1880), La signorina Fifi (1882) e L’Horla (1887) e i romanzi Una vita (1883), Bel-Ami (1885) e Pierre e Jean (1889). Feltrinelli ha pubblicato nei “Classici” Bel-Ami (2012); a cura di Luca Salvatore, Racconti neri (2018) e nella collana esclusivamente digitale Zoom Flash, La piccola Roque (2015).

    Vai alla scheda >>

    Elisabetta De Medio

    Elisabetta De Medio

    Vai alla scheda >>

    Jean de Meun

    Jean de Meun

    Jean de Meun fu chierico. La sua cultura fu certamente immensa, quasi enciclopedica. E la sua attività letteraria non si limitò al Romanzo della Rosa (a cura di Massimo Jevolella; Feltrinelli, 2016). Dopo aver terminato il poema, nel 1284 tradusse Vegezio, per dedicarsi poi a una versione delle Lettere di Abelardo ed Eloisa e infine a Boezio.

    Vai alla scheda >>

    Mario De Micheli

    Mario De Micheli

    Mario De Micheli, scrittore e critico d’arte, sostenitore dell’avanguardia nell’ambito delle arti figurative, ha preso parte al movimento di “Corrente”, ha fondato varie riviste d’arte e organizzato numerose mostre nazionali e internazionali. Delle sue molte opere, Feltrinelli ha pubblicato: la cura del volume Scritti di Picasso (1964), Le avanguardie artistiche del Novecento (1966; edizione riveduta e ampliata, 1988), La matrice ideologico-letteraria dell’eversione fascista (1976), Le poetiche. David, Delacroix, Courbet, Cézanne, van Gogh, Picasso. Antologia degli scritti (1978), Ernst Neizvestny (1978), Scalarini. Vita e disegni del grande caricaturista politico (1978), la cura del volume I bambini di Terezín. Poesie e disegni dal lager 1942-1944 (1979), Idee e storie di artisti (1981) e L’arte sotto le dittature (2000). È morto a novant’anni nel 2004.

    Vai alla scheda >>

    Selahattin Demirtaş

    Selahattin Demirtaş

    Noto anche come il Barack Obama turco, Selahattin Demirtaş è nato nel 1973 a Elazığ, nella regione del Kurdistan turco. Deputato in parlamento e capo dell’HDP (Partito democratico del  popolo), è da novembre 2016 in prigione, in attesa di sapere di cosa deve rispondere. Demirtaş è un campione del processo di pace, dell’eguaglianza e della difesa delle minoranze in Turchia, come nel resto del mondo. Feltrinelli ha pubblicato Alba (2018), la sua raccolta di racconti scritti dietro le sbarre, molto toccanti e spesso spiritosi, in cui dimostra di essere, oltre che un leader, un uomo di profonda sensibilità e uno scrittore acuto e brillante. È sposato con Başak Demirtaş e ha due figlie, Delal and Dılda.

    Vai alla scheda >>

    Jonathan Demme

    Jonathan Demme

    Jonathan Demme è nato nel 1944 a New York. Allievo di Roger Corman (che ha prodotto Femmine in gabbia, sua opera d’esordio del 1974) è, oltre che regista, sceneggiatore, produttore e critico cinematografico. Ha spaziato da commedie come Una volta ho incontrato un miliardario (1980) o Una vedova allegra... ma non troppo (1986), al film musicale Stop Making Sense (un documentario del 1984 sui Talking Heads di David Byrne), a thriller come Qualcosa di travolgente (1987) e Il silenzio degli innocenti (1990, vincitore di cinque premi Oscar), fino allimpegno civile di Philadelphia (1993, premio Oscar a Tom Hanks quale miglior attore protagonista e Bruce Springsteen per la migliore canzone) e a The Manchurian Candidate (2004). Con Feltrinelli “Real Cinema”è uscito The Agronomist (2005).

    Vai alla scheda >>

    Michel de Montaigne

    Michel de Montaigne

    Michel Eyquem nacque a Montaigne nel 1533 nella casaforte di famiglia dove morì nel 1592. Da uno dei suoi precettori Michel imparò il latino come lingua madre. Entrò successivamente al Collège de Guyenne a Bordeaux, per intraprendere poi studi di diritto a Tolosa e a Parigi. Consigliere alla Cour des Aides del Périgueux, passò al Parlement di Bordeaux, dove ebbe modo di verificare gli effetti disastrosi delle guerre di religione che tormentavano la Francia. Amareggiato dalle scelte dei suoi colleghi si dimette dalla carica nel 1570. Ritiratosi dalla scena politica, ma non dalla politica, inizia a scrivere i Saggi. Nel 1580 compie un lungo viaggio attraverso la Svizzera, la Germania e l’Italia che lo porta a Roma. Eletto sindaco di Bordeaux, lascia Roma per assumere l’incarico che mantenne per due mandati. Montaigne passa gli ultimi anni nella revisione dei Saggi. Dopo la sua morte verrà scoperto un manoscritto che documenta il viaggio in Italia. Feltrinelli ha pubblicato L'etica dei piaceri. Antologia dai Saggi (2016; a cura di Carlo Montaleone).

    Vai alla scheda >>

    Luigi de Nardis

    Luigi de Nardis

    Luigi de Nardis (1928-1999) è stato docente di Letteratura francese all’Università ‟La Sapienza” di Roma e membro dell’Accademia dei Lincei. Autore, tra l'altro, di Lironia di Mallarmé (Sciascia, 1962), Il cortegiano e leroe (La Nuova Italia, 1964), Lusignolo e il fantasma (Cisalpino-La Goliardica, 1970), Saint-Lambert, scienza e paesaggio nella poesia del Settecento (Edizioni dell’Ateneo, 1984), Gli occhiali di Scaramuccia e altri saggi francesi e italiani (Palumbo, 1993). Per i “Classici” Feltrinelli ha tradotto le Poesie di François Villon (1966) e scritto l’introduzione a Poesie di Marcel Proust (1993).

    Vai alla scheda >>

    Roberta Denaro

    Roberta Denaro

    Roberta Denaro insegna lingua e letteratura araba all’Istituto Orientale di Napoli. Traduttrice dall’arabo e dal turco, oltre che de Le mille e una notte si è occupata di martirio nella letteratura araba medievale.

    Vai alla scheda >>

    Danilo Deninotti

    Danilo Deninotti

    Danilo Deninotti (Mondovì, 1980) ha pubblicato i graphic novel Kurt Cobain – Quando ero un alieno (tradotto negli Stati Uniti, in Canada, Spagna, Brasile, Francia e Russia) e Wish You Were Here – Syd Barrett e i Pink Floyd. Scrive storie per il settimanale "Topolino". Per Feltrinelli Comics ha pubblicato Lamiere. Storie da uno slum di Nairobi (2019; con Giorgio Fontana e Lucio Ruvidotti).

    Vai alla scheda >>

    Carrie Denny

    Carrie Denny

    Carrie Denny è scrittrice e giornalista specializzata sui matrimoni; per anni ha lavorato come redattrice per la rivista “Philadelphia Wedding”, usando uno stile ironico e divertente e giocando sullo stereotipo tipico della futura sposa in ansia. Con Kowalski è uscito La sposa. Manuale d’istruzioni (2010).

    Vai alla scheda >>

    Gaia  De Pascale

    Gaia De Pascale

    Gaia De Pascale è studiosa e scrittrice e ha pubblicato tra gli altri il saggio critico Scrittori in viaggio. Narratori e poeti italiani del Novecento in giro per il mondo (Bollati Boringhieri, 2001) e Slow Travel. Alla ricerca del lusso di perdere tempo (Ponte alle Grazie, 2008). Per Feltrinelli “Kids”, In viaggio (con Giorgia Previdoli; 2013).

    Vai alla scheda >>

    Mimma De Petra

    Mimma De Petra

    Vai alla scheda >>

    Maria Luisa De Pieri Bonino

    Maria Luisa De Pieri Bonino

    Vai alla scheda >>

    Giuseppe de Pinto

    Giuseppe de Pinto

    Giuseppe de Pinto è cresciuto a Giovinazzo (Bari), da cui la carriera l'ha presto allontanato. Dopo aver vissuto per dieci anni all'estero, risiede oggi a Pavia. Ingegnere di professione e scrittore per passione, ha fuso l'amore per la propria terra e quello per le parole nel suo esordio narrativo, Sciamanìnn! (Feltrinelli Zoom Wide 2016).

    Vai alla scheda >>

    Ignacio Martínez de Pisón

    Ignacio Martínez de Pisón

    Ignacio Martínez de Pisón (1960) è giornalista, sceneggiatore, nonché uno degli scrittori spagnoli contemporanei più popolari. In Italia sono comparsi i suoi romanzi per adulti Il tempo delle donne, Maria Bonita, Strade secondarie e Morte di un traduttore. Con Feltrinelli “Kids – Il gatto nero” è uscito Il viaggio americano (2005).

    Vai alla scheda >>

    Johnny Depp

    Johnny Depp

    Johnny Depp (1963), attore, musicista e regista, è una delle figure più poliedriche della nuova Hollywood. Dopo l’esordio sul piccolo schermo negli anni ottanta compie il grande salto nel mondo del cinema muovendo i primi passi con registi come Oliver Stone, Tim Burton, Emir Kusturica. Tra i film da lui interpretati ricordiamo Edward Mani di Forbice, di Tim Burton (1990), Donnie Brasko, di Mike Newell (1995), Chocolat, di Lasse Hallström (2000), La maledizione della prima luna, di Gore Verbinski (2003), Alice in Wonderland, di Tim Burton (2010) e Trascendence, di Wally Pfister (2014). Per Feltrinelli ha scritto la prefazione a Burton racconta Burton, di Tim Burton (UE, 2013; già in Kowalski, 2010).

    Vai alla scheda >>

    Marco d'Eramo

    Marco d'Eramo

    Marco d’Eramo è nato a Roma nel 1947. Laureato in Fisica, ha poi studiato Sociologia con Pierre Bourdieu all’École Pratique des Hautes Études di Parigi. Giornalista, ha collaborato con “Paese Sera” e “Mondoperaio”, e collabora con “il manifesto”. Tra le sue pubblicazioni: Gli ordini del caos (manifestolibri, 1991), Via dal vento. Viaggio nel profondo sud degli Stati Uniti (manifestolibri, 2004), Moderato sarà lei (con Marco Bascetta, manifestolibri, 2008) e, con Feltrinelli, Il maiale e il grattacielo (1995), Lo sciamano in elicottero. Per una storia del presente (1999), Il selfie del mondo. Indagine sull’era del turismo (2017).

    Vai alla scheda >>

    Luce d’Eramo

    Luce d’Eramo

    Luce d’Eramo nasce nel 1925 a Reims da genitori italiani e si spegne a Roma il 6 marzo 2001. Fra le sue opere, Nucleo zero (1981), Partiranno (1986), Ultima luna (1993), Una strana fortuna (1997) e L’opera di Ignazio Silone (1970). Nel 1999 esce Io sono un’aliena, una “conversazione” in cui ripercorre le tappe del suo percorso esistenziale e intellettuale. Feltrinelli ha pubblicato Deviazione (2012; Ue, 2017).

     

    Vai alla scheda >>

    Marco d’Eramo

    Marco d’Eramo

    Marco d’Eramo, nato a Roma nel 1947, laureato in Fisica, ha poi studiato Sociologia con Pierre Bourdieu all’École Pratique des Hautes Études di Parigi. Giornalista, ha collaborato con “Paese Sera” e “Mondoperaio”, e collabora con “il manifesto”. Tra le sue pubblicazioni: I nuovi filosofi (Lerici, 1978), L’immaginazione senza potere, mito e realtà del ’68 (Mondoperaio, 1978), la cura di La crisi del concetto di crisi (Lerici, 1980), Gli ordini del caos (manifestolibri, 1991), Via dal vento. Viaggio nel profondo sud degli Stati Uniti (manifestolibri, 2004) e, con Feltrinelli, Il maiale e il grattacielo (1995) e Lo sciamano in elicottero. Per una storia del presente (1999).

    Vai alla scheda >>

    Giuseppe De Rita

    Giuseppe De Rita

    Giuseppe De Rita, fondatore e presidente del Censis, è considerato tra i più autorevoli osservatori delle trasformazioni economiche, sociali e istituzionali del nostro paese. Tra le sue opere più recenti: Il regno inerme. Società e crisi delle istituzioni (Einaudi, 2002), Che fine ha fatto la borghesia? Dialogo sulla nuova classe dirigente in Italia (con Aldo Bonomi e Massimo Cacciari; Einaudi, 2004), L’eclissi della borghesia (con Antonio Galdo; Laterza, 2011) e L’eclissi della società di mezzo (con Aldo Bonomi; Feltrinelli, 2014).

    Vai alla scheda >>

    Noël Dernesch

    Noël Dernesch

    Noël Dernesch, nato a Zurigo, oggi vive e lavora a Berlino. Specializzato in film/video alla Scuola di Arte e Media di Zurigo, lavora fin da subito come regista indipendente. Ha diretto diversi video musicali e spot pubblicitari. Feltrinelli ha pubblicato, nella collana “Real Cinema”, il film Journey to Jah (con Moritz Springer; 2014).

    Vai alla scheda >>

    Federico De Roberto

    Federico De Roberto

    Federico De Roberto (Napoli, 1861 - Catania, 1927), è stato uno dei maggiori esponenti del verismo italiano. Grande amico di Giovanni Verga e Luigi Capuana, seppe distinguersi per la sua voce allo stesso tempo oggettiva e dolorosamente appassionata. Il suo capolavoro, I Viceré (1894), è il secondo capitolo di una trilogia imperniata sulla famiglia siciliana degli Uzeda, aperta da L’illusione (1891) e chiusa da L’imperio (pubblicato, postumo e incompleto, nel 1929). Feltrinelli ha pubblicato nei “Classici” I Viceré (2011).

    Vai alla scheda >>

    Mark Dery

    Mark Dery

    Mark Dery (1959) è uno scrittore e critico musicale statunitense. Collabora con varie riviste, tra cui “Wired”, “Rolling Stone” e “Village Voice”. Con Feltrinelli è uscito Velocità di fuga. Cyberculture a fine millennio (1997).

    Vai alla scheda >>

    Donatien-Alphonse-François  de Sade

    Donatien-Alphonse-François de Sade

    Donatien-Alphonse-François de Sade (1740-1814) è stato uno scrittore a cavallo tra fine Settecento e Ottocento. Più volte incarcerato per reati connessi alle sue pulsioni sessuali, è considerato uno dei più estremi esponenti del pensiero filosofico libertino. Oltre a Le centoventi giornate di Sodoma (scritto nel 1785 ma pubblicato nel 1904), tra le sue opere anche Justine o le disavventure della virtù (1791), La filosofia nel boudoir (1795) e La nuova Justine (1799). Ha scritto numerosissime opere teatrali e saggi di tenore politico. Rivalutato dal movimento surrealista, secondo molti critici letterari (tra cui Mario Praz) la sua influenza avrebbe segnato in modo importante, seppur sotterraneamente, l’intera letteratura dell’Ottocento. Feltrinelli ha proposto nei suoi "Classici" in Universale Economica Le centoventi giornate di Sodoma (2014).

    Vai alla scheda >>

    Antoine de Saint-Exupéry

    Antoine de Saint-Exupéry

    Antoine de Saint-Exupéry (Lione, 1900 - Mar Tirreno, 1944) divenne pilota nel 1921. Al suo attivo numerosi lavori letterari, sempre ispirati alle sue esperienza di volo, in cui rintracciava gli elementi della libertà e della ricerca identitaria. Tra le sue opere Corriere del Sud (1926), Volo di notte (1931, pubblicato con una prefazione di A. Gide), Terra degli uomini (1939) e Pilota di guerra (1942). Postumi sono apparsi Cittadella (1948) e i Taccuini (1961). Il piccolo principe (1943), il suo capolavoro amato da milioni di lettori in tutto il mondo, è riproposto da Feltrinelli nella nuova traduzione di Yasmina Melaouah (2015).

    Vai alla scheda >>

    Marco De Seriis

    Marco De Seriis

    Vai alla scheda >>

    Vittorio De Seta

    Vittorio De Seta

    Vittorio De Seta (1923-2011), regista e sceneggiatore. Lavora come assistente alla regia di Mario Chiari e di Jean Paul Le Chanois. In seguito inizia a produrre e realizzare numerosi cortometraggi, prevalentemente ambientati nella sua Sicilia, di cui cura anche la fotografia e il montaggio (Lu tempu de li pisci spata, 1954, Isole di fuoco, 1955, e Pescherecci, 1959). Dal soggiorno in Sardegna nasce il suo primo lungometraggio, Banditi a Orgosolo (1960), autoprodotto e girato con una troupe ridottissima, tra cui sua moglie Vera Gherarducci. Il film, interpretato da autentici pastori, analizza il fenomeno del banditismo sardo e nel 1961 vince il premio Opera prima alla Mostra di Venezia. Nel 1972, tornato in Italia dopo una parentesi di lavoro in Francia, realizza il film televisivo Diario di un maestro, tratto dal romanzo autobiografico di Albino Bernardini, Un anno a Pietralata, storia della difficile esperienza di un maestro elementare in una scuola della periferia romana. Dopo un lungo periodo di inattività, De Seta torna alla regia nel 1993 con il documentario In Calabria. Del 2001 il suo film, Lettere dal Sahara. Nell’aprile del 2005 il Museum of Modern Art di New York gli dedica un omaggio proiettando il suo Banditi a Orgosolo. Per “Real Cinema” Feltrinelli Il mondo perduto. I cortometraggi di Vittorio De Seta. 1954-1959 (2008) e Diario di un maestro (2012).

    Vai alla scheda >>

    Fabrizio Desideri

    Fabrizio Desideri

    Fabrizio Desideri (1953), docente di Filosofia Estetica all’Università di Firenze, scrittore e saggista, dirige la rivista on line “Aisthesis. Pratiche, linguaggi e saperi dell’estetico”. Con Feltrinelli è uscito L’ascolto della coscienza. Una ricerca filosofica (1998).

    .

    Vai alla scheda >>

    Diego De Silva

    Diego De Silva

    Vai alla scheda >>

    Vanni De Simone

    Vanni De Simone

    Vai alla scheda >>