Ricerca Autori

Autori lettera G

    Alfredo Giuliani

    Alfredo Giuliani

    Alfredo Giuliani (1924-2007) è stato scrittore, poeta e critico letterario, appartenente al Gruppo 63. Laureato in filosofia, si dedicò a lungo all’insegnamento nelle Università di Chieti e di Bologna. Con Feltrinelli ha pubblicato Autunno del Novecento (1984) e Versi e nonversi (1986).

    Vai alla scheda >>

    Daniel Glattauer

    Daniel Glattauer

    Daniel Glattauer è nato nel 1960 a Vienna e ha lavorato per vent’anni come giornalista prima di dedicarsi a tempo pieno alla letteratura. Nel 2006, con la pubblicazione di Le ho mai raccontato del vento del Nord, è diventato un autore bestseller noto in tutto il mondo. Il romanzo ha scalato le classifiche internazionali e ha riscosso un enorme successo anche come radiodramma, opera teatrale e audiolibro ("Emons Feltrinelli", 2013). L’attesissimo seguito, La settima onda, è stato scritto nel 2009 ottenendo altrettanto consenso. Entrambi i romanzi sono tradotti in circa 40 lingue e pubblicati in Italia da Feltrinelli. Con Feltrinelli ha pubblicato anche In città zero gradi (2011; in Ue, 2013), Per sempre tuo (2012; in Ue, 2014), Un regalo che non ti aspetti (2014) e Terapia d'amore (2017).

    Vai alla scheda >>

    Nicolas Glée

    Nicolas Glée

    Vai alla scheda >>

    James Gleick

    James Gleick

    James Gleick (New York, 1954) è un giornalista scientifico di fama. Ha pubblicato libri di successo, come Caos (Rizzoli, 1989; Bur, 2000), che è stato finalista al National Book Award negli Stati Uniti, e due biografie di scienziati, entrambe candidate al Pulitzer, ossia Genio. La vita e la scienza di Richard Feynman (Garzanti, 1994) e Isaac Newton (Codice, 2004). Feltrinelli ha pubblicato L’informazione (2012, 2015).

    Vai alla scheda >>

    Carlo Gnetti

    Carlo Gnetti

    Carlo Gnetti lavora come giornalista nella redazione del settimanale della Cgil “Rassegna Sindacale” di cui è responsabile della sezione esteri. Ha scritto diversi saggi su temi di carattere sociale e si è sempre occupato di questioni legate alla sanità nazionale e internazionale. Ha pubblicato Il bambino con le braccia larghe (Ediesse, 2010) e Aids: lo scandalo del vaccino italiano (con Vittorio Agnoletto; Feltrinelli, 2012).

    Vai alla scheda >>

    Antonio Gnoli

    Antonio Gnoli

    Antonio Gnoli lavora per la pagina culturale di ‟Repubblica”. Ha scritto I prossimi titani. Conversazioni con Ernst Junger (Adelphi, 1997); con Chatwin La nostalgia dello spazio (Bompiani, 2000); insieme a Franco Volpi Il Dio degli acidi. Conversazioni con Albert Hofmann (Bompiani, 2003). Ha inoltre curato il testo di Alexandre Kojève, Il silenzio della tirannide (Adelphi, 2004). Per Feltrinelli ha curato Sanguineti’s Song di Edoardo Sanguineti (2006)

    Vai alla scheda >>

    Piero Gobetti

    Piero Gobetti

    Piero Gobetti (1901-1926), nato a Torino da genitori di origine contadina, si iscrisse alla Facoltà di Giurisprudenza della sua città, formandosi con maestri come Luigi Einaudi. Nel 1918 diede inizio alla sua attività giornalistica, collaborando tra l’altro con “L'Ordine Nuovo” e fondando più avanti riviste come “La Rivoluzione liberale” e “Il Baretti”. Nel 1923 fondò una casa editrice che in poco più di due anni avrebbe stampato centinaia di titoli, fra cui la prima edizione di Ossi di seppia di Montale. La lotta politica antifascista gli causò diverse aggressioni che lo costrinsero a lasciare l’Italia per Parigi, dove morì il 15 febbraio 1926. Feltrinelli ha pubblicato Avanti nella lotta, amore mio! Scritture 1918-1926 (2016; a cura di Paolo di Paolo).

    Vai alla scheda >>

    Renate Göckel

    Renate Göckel

    Renate Göckel è psicologa e si occupa da anni della terapia di donne afflitte da bulimia e disturbi alimentari. Tra i suoi libri tradotti in italiano: Donne che mangiano troppo. Quando il cibo serve a compensare i disagi affettivi (Lyra Libri, 1990; Feltrinelli, 1991, 2008), Ne ho abbastanza (Tea, 1998), Troppo buone! Le brave ragazze se le mangia il lupo (Tea, 1999) e Finalmente liberi dal cibo (Feltrinelli, 2008).

    Vai alla scheda >>

    Yolanda Godoy Lozano

    Yolanda Godoy Lozano

    Vai alla scheda >>

    Johann Wolfgang Goethe

    Johann Wolfgang Goethe

    Johann Wolfgang von Goethe (Francoforte sul Meno, 1749 - Weimar, 1832) è stato uno dei maggiori scrittori, poeti e drammaturghi europei, un artista e pensatore completo i cui interessi spaziavano dalla teologia alle scienze, dalla musica alla pittura. Non a caso George Eliot lo definì uno dei più grandi letterati tedeschi e l’ultimo uomo universale a camminare sulla terra. Fra le sue opere ricordiamo: I dolori del giovane Werther (1774), Torquato Tasso (1780), Elegie romane (1795), Gli anni di apprendistato di Wilhelm Meister (1796), il poema Arminio e Dorotea (1797), Faust. Parte prima (1797-1808), Teoria dei colori (1805), Faust. Parte prima (1808), Il divano occidentale-orientale (1814-1819), Viaggio in Italia (1829), Gli anni di peregrinazione di Wilhelm Meister (1829), l’autobiografia Poesia e verità (1831), Faust. Parte seconda (1831). Feltrinelli ha pubblicato nei “Classici” Faust e Urfaust (1991), I dolori del giovane Werther (1993) e Le affinità elettive (2011).

    Vai alla scheda >>

    Nikolaj Vasil’evic Gogol’

    Nikolaj Vasil’evic Gogol’

    Nikolaj Vasil’evic Gogol’ (Sorociny, Ucraina, 1809 - Mosca, 1852) è uno dei più grandi scrittori russi del XIX secolo: comico e drammatico allo stesso tempo, implacabile scrutatore della follia umana. Tra le sue opere maggiori ricordiamo: Veglie alla masseria presso Dikan’ka (1831-1832), Diario di un pazzo e Il ritratto (1835), Il naso (1836),  Anime morte (1842) e Il cappotto (1843). Feltrinelli ha pubblicato nei “Classici”  Anime morte (2009, 2013), Il cappotto (2009) e L’ispettore generale (2011).

    Vai alla scheda >>

    Wlodek Goldkorn

    Wlodek Goldkorn

    Wlodek Goldkorn è stato per molti anni il responsabile culturale de “L’Espresso”. Ha lasciato la Polonia, sua terra nativa, nel 1968. Vive a Firenze. Ha scritto numerosi saggi sull'ebraismo e sull'Europa centro-orientale. È co-autore con Rudi Assuntino di Il Guardiano. Marek Edelman racconta (1998) e con Massimo Livi Bacci e Mauro Martini di Civiltà dell’Europa Orientale e del Mediterraneo (2001) e autore di La scelta di Abramo. Identità ebraiche e postmodernità (2006). Per Feltrinelli ha pubblicato Il bambino nella neve (2016).

    Vai alla scheda >>

    Carlo Goldoni

    Carlo Goldoni

    Carlo Goldoni (1707-1793) è stato drammaturgo, scrittore e librettista, nonché avvocato. Autore di opere teatrali diventate classici (Il servitore di due padroni, La bottega del caffè, La locandiera, La finta ammalata, I rusteghi, La casa nova, Sior Todero brontolon, Le baruffe chiozzotte, Il ventaglio, per citare solo le più famose), ha rivoluzionato il genere in Italia e non solo, inaugurando una nuova e florida stagione per il teatro e fondando la commedia moderna. Feltrinelli ha pubblicato nei “Classici” Il teatro della seduzione (2007).

    Vai alla scheda >>

    Biagio Goldstein Bolocan

    Biagio Goldstein Bolocan

    Biagio Goldstein Bolocan nasce a Milano nel 1966. Laureato in Storia, si è occupato di divulgazione nei musei storici di Milano e ha insegnato nelle scuole serali del comune. Da oltre vent’anni lavora nell’editoria scolastica come editor e autore di manuali di storia per la scuola secondaria di I e II grado. Nel 2012 ha pubblicato il suo primo romanzo, Il lato oscuro della luna (Cairo), cui ha fatto seguito nel 2013 Una guerra privata (Cairo). Nel 2017 ha pubblicato con Feltrinelli Il traduttore. Sempre per Feltrinelli, La bella Resistenza. L’antifascismo spiegato ai ragazzi (2019).

    Vai alla scheda >>

    Ernst Hans Josef Gombrich

    Ernst Hans Josef Gombrich

    Ernst Gombrich (1909-2001), storico dell’arte, ha studiato con Julius von Schlosser, è stato assistente di ricerca dell’analista freudiano Ernst Kris e poi a partire dal 1936 del Warburg Institute a Londra, di cui diventerà direttore nel 1959. Ha insegnato nelle prestigiose università di Oxford, Cambridge, Harvard e Cornell, è stato membro del Royal College of Art di Londra e dell’Accademia dei Lincei di Roma, è stato insignito di importanti onorificenze culturali ed è stato nominato Sir dalla regina Elisabetta II. Tra le sue opere: La storia dell’arte raccontata da E.H. Gombrich (1950), Arte e illusione. Studio sulla psicologia della rappresentazione pittorica (1960), A cavallo di un manico di scopa. Saggi di teoria dell’arte (1963), Freud e la psicologia dell’arte. Stile, forma e struttura alla luce della psicoanalisi (1966), Norma e forma. Studi sull’arte del Rinascimento (1966), Immagini simboliche. Studi sull’arte del Rinascimento (1972), Il senso dell’ordine. Studio sulla psicologia dell’arte decorativa (1979), Ideali e idoli (1979), L’immagine e l’occhio. Altri studi sulla psicologia della rappresentazione pittorica (1982). Con Feltrinelli ha pubblicato Aby Warburg. Una biografia intellettuale (1973, 2003) e Custodi della memoria (1985).

    Vai alla scheda >>

    Witold Gombrowicz

    Witold Gombrowicz

    Witold Gombrowicz, nato a Małoszyce nel 1904, è considerato il più grande scrittore polacco del Novecento. Ha vissuto a Varsavia fino allo scoppio della guerra, poi a Buenos Aires. Di ritorno in Europa, è stato prima a Berlino e poi in Francia. È morto a Vence nel 1969. Autore di racconti, romanzi e testi teatrali, con Feltrinelli ha pubblicato: Cosmo (1966, 1990, 2004), Bacacay. Ricordi del periodo della maturazione (1968, 1989, 2004), Trans-Atlantico (1971, 2005), Ferdydurke (1991, 1993), Pornografia (1994, 2005), Una giovinezza in Polonia (1998), Testamento (2004) e i due volumi del Diario: 1953-1958 (2004) e 1959-1969 (2008).

    Vai alla scheda >>

    Pierre-Henry Gomont

    Pierre-Henry Gomont

    Pierre-Henry Gomont, nato nel 1978, vive e lavora a Bruxelles. Prima di diventare fumettista ha svolto varie professioni, tra cui quella di sociologo. Nel 2011 firma la sua prima opera, Kirkenes, sceneggiatura di Jonathan Châtel, per i tipi di les Enfants Rouges. Seguono Catalyse, Crematorium (sceneggiatura di Éric Borg) e Red Karma (con Eddy Simon). Nel 2015 il suo Les Nuits de Saturne viene premiato col Cognac Prize. Dopo aver adattato con grande successo di pubblico e critica Sostiene Pereira di Antonio Tabucchi (edito in Italia da Feltrinelli Comics, 2019), nel 2018 è tornato in libreria con Malaterre.

    Vai alla scheda >>

    Ivan A. Gončarov

    Ivan A. Gončarov

    Ivan Aleksandrovič Gončarov (Simbirsk, 1812 - San Pietroburgo, 1891), di famiglia agiata, condusse una esistenza tranquilla da scapolo irriducibile, movimentata solo una volta da un “eroico” viaggio per mare in estremo oriente. Fra le sue opere ricordiamo Una storia comune (1847), La fregata Pallada (1858) e Il burrone (1869). Il suo indiscusso capolavoro è Oblomov (1859), una delle vette della letteratura ottocentesca; Feltrinelli lo ha pubblicato nei “Classici” (2012).

    Vai alla scheda >>

    Tanya Goodin

    Tanya Goodin

    Tanya Goodin è imprenditrice pluripremiata, fondatrice di un particolare percorso di detox digitale chiamato Time To Log Off (È il momento di disconnettersi). Tanya ha come obiettivo primario aiutare gli altri a riscoprire le gioie di scollegarsi di tanto in tanto dalla tecnologia, riconnettendosi al mondo offline. Il suo metodo passa attraverso i suoi libri, ma agisce anche tramite specifici ritiri per adulti e seminari scolastici pensati per grandi e piccoli, con l’obiettivo di insegnare un’autentica e consapevole “educazione digitale”.
    www.itstimetologoff.com
    www.tanyagoodin.com

    Vai alla scheda >>

    Michael Goodwin

    Michael Goodwin

    scrittore freelance, ha sempre avuto una grande passione per i fumetti e ha viaggiato molto in India e in Cina. La sua curiosità verso l’economia lo ha portato a intravedere i lineamenti di una storia che non è mai stata raccontata. Presa con sé una montagna di libri sull’argomento, si è ritirato a studiare e a scrivere in una piccola città in India: il risultato è Economix.

    Vai alla scheda >>

    Jack Goody

    Jack Goody

    Jack Goody (1919), antropologo britannico, è stato professore emerito di Antropologia sociale presso l’Università di Cambridge e Fellow del St. John's College. I suoi studi sulle origini della scrittura e sul suo ruolo rispetto all’organizzazione sociale sono divenuti un classico dell’antropologia. Ha inoltre messo in luce l’evoluzione delle strutture familiari nella storia europea, ricostruendo in chiave comparativa il modo in cui i diversi sistemi di parentela hanno inciso sulla razionalità economica in Occidente e in Oriente. Tra le sue pubblicazioni recenti: La famiglia nella storia europea (Laterza, 2000), Lambivalenza della rappresentazione. Cultura ideologia religione (Feltrinelli, 2000), Il potere della tradizione scritta (Bollati Boringhieri, 2002), Il furto della storia (Feltrinelli, 2008).

    Vai alla scheda >>

    Nadine Gordimer

    Nadine Gordimer

    Nadine Gordimer (1923-2014), nata nel Transvaal, in Sudafrica, premio Nobel per la letteratura nel 1991, ha pubblicato con Feltrinelli: Un mondo di stranieri (1961), Occasione d’amore (1984), Un ospite d’onore (1985), Qualcosa là fuori (1986), Una forza della natura (1987), Il mondo tardoborghese (1989), Vivere nell’interregno (1990), Luglio (1991), Storia di mio figlio (1991), La figlia di Burger (1992), Il salto (1992), Nessuno al mio fianco (1994), Scrivere ed essere. Lezioni di poetica (1996), Un’arma in casa (1998), Vivere nella speranza e nella storia. Note dal nostro secolo (1999), L’aggancio (2002), Sveglia! (2006), Beethoven era per un sedicesimo nero (2008), Il conservatore (2009), Ora o mai più (2012), Racconti di una vita (2014), Tempi da raccontare. Scrivere e vivere (2014) oltre ad alcuni racconti nella collana digitale Zoom; ha inoltre curato la raccolta Storie (2005). Le è stato conferito il Premio internazionale Primo Levi nel 2002. Nel 2007 ha vinto il premio Grinzane per la letteratura. È stata inoltre insignita della Legione d’onore.

    Vai alla scheda >>

    Matthew S. Gordon

    Matthew S. Gordon

    Matthew S. Gordon è professore associato presso il dipartimento di Storia della Miami University a Oxford, Ohio. È autore di The Breaking of a Thousand Swords (Suny Press, 2001) e curatore, insieme a L. Carl Brown, di Franco-Arab Encounters (A.U.B. Press, 1996). Con Feltrinelli ha pubblicato Capire l’Islam (2007).

    Vai alla scheda >>

    Al Gore

    Al Gore

    Al Gore (Washington, 1948) è un politico e ambientalista statunitense . È stato il 45º Vicepresidente degli Stati Uniti dAmerica (1993-2001) durante la presidenza di Bill Clinton. Gore è stato insignito del Premio Nobel per la pace 2007 e del Premio Principe delle Asturie per la Cooperazione Internazionale 2007 per il suo impegno in difesa dellambiente. È autore del film An Inconvenient Truth, premio Oscar come miglior documentario nel 2007, e del libro Una scomoda verità. Come affrontare il riscaldamento globale del pianeta (Rizzoli, 2006). Feltrinelli ha pubblicato L’assalto alla ragione (2007).

    Vai alla scheda >>

    Francesca Gori

    Francesca Gori

    Francesca Gori ha seguito per molti anni alla Fondazione Giangiacomo Feltrinelli la sezione dell’Est europeo e in particolare dell’ex Unione Sovietica. Fra le pubblicazioni da lei curate: The Cominform. Minutes of the Three Conferences 1947/1948/1949 (1994) e, con Silvio Pons, Dagli archivi di Mosca. L’Urss, il Cominform e il Pci, 1943-1951 (1998). Insieme a Elena Dundovich ed Emanuela Guercetti ha curato l’annale della Fondazione Reflections on the Gulag (2003) e Gulag (Feltrinelli, 2004). Per i “Classici” Feltrinelli ha tradotto e curato Il canto dell’amor trionfante e altri racconti (2007) di Ivan S. Turgenev.

    Vai alla scheda >>

    Sandra Gorresio

    Sandra Gorresio

    Vai alla scheda >>

    Stephen Jay Gould

    Stephen Jay Gould

    Stephen Jay Gould (1941-2002), professore di Geologia, Biologia e Storia della scienza all’Università di Harvard, ha saputo unire grande preparazione scientifica ed eccezionale capacità di divulgazione. Evoluzionista, ideatore della teoria degli equilibri punteggiati, ha dato il suo importante contributo allo sviluppo del neodarwinismo. Con Feltrinelli ha pubblicato: Quando i cavalli avevano le dita. Misteri e stranezze della natura (1984, 2008), Il sorriso del fenicottero (1987, 2007), La freccia del tempo, il ciclo del tempo. Mito e metafora nella scoperta del tempo geologico (1989), La vita meravigliosa. I fossili di Burgess e la natura della storia (1990, 2008), Un riccio nella tempesta. Saggi su libri e idee (1991), Bravo Brontosauro. Riflessioni di storia naturale (1992, 2002), Risplendi grande lucciola. Riflessioni di storia naturale (1994, 2006). Ricordiamo inoltre: Il pollice del panda (1983), Gli alberi non crescono fino in cielo (1997), Intelligenza e pregiudizio (1998), Il millennio che non c’è (1999), I pilastri del tempo (2000), La struttura della teoria dell’evoluzione (2003).

    Vai alla scheda >>

    Guido Gozzano

    Guido Gozzano

    Guido Gozzano (Torino, 1883-1916) è stato un poeta italiano. Il suo nome è spesso associato alla corrente letteraria post-decadente del crepuscolarismo. Nato da una famiglia benestante di Agliè Canavese, inizialmente si dedicò alla poesia nell’emulazione di D’Annunzio e del suo mito del dandy. Successivamente, la scoperta delle liriche di Giovanni Pascoli lo avvicinò alla cerchia di poeti intimisti che sarebbero stati poi denominati “crepuscolari”, accomunati dall’attenzione per “le buone cose di pessimo gusto”, con qualche accenno estetizzante, il “ciarpame reietto, così caro alla mia Musa”, come le definì ironicamente lui stesso. Morì a soli 32 anni, a causa della tubercolosi che lo affliggeva. Feltrinelli ha pubblicato nei “Classici” Poesie e prose (2008) e, nella collana digitale Zoom, Non turbate il silenzio (2014).

    Vai alla scheda >>

    Simone Gozzano

    Simone Gozzano

    Simone Gozzano (1961) è professore ordinario di Logica e filosofia della scienza all’Università dell’Aquila. Con Feltrinelli ha pubblicato, insieme a Eugenio Lecaldano, Tito Magri, Clotilde Calabi e Remo Bodei, Filosofia e emozioni (1999).

    Vai alla scheda >>

    Martino Gozzi

    Martino Gozzi

    Martino Gozzi è nato a Ferrara nel 1981. Nel 2002 vince la borsa di studio del Mondrian Kilroy Fund e nel 2004 pubblica il suo primo romanzo, Una volta Mia (peQuod). Ha tradotto, per varie case editrici, diversi autori inglesi e statunitensi, tra cui Marlon Brando, Keith Richards e Steve Earle. Con Feltrinelli ha pubblicato Giovani promesse (2009) e Mille volte mi ha portato sulle spalle (2013) e ha tradotto Life (con Andrea Marti e Marina Petrillo; 2012) di Keith Richards. Lavora alla Scuola Holden di Torino.

    Vai alla scheda >>

    Anabel Graff

    Anabel Graff

    Anabel Graff è laureata al Vassar College e attualmente studia per conseguire un Master of Fine Arts in scrittura creativa alla Texas State University.
    Ha vissuto a Londra, Pittsburgh, Montreal e New York.
    Con Il ballo di fine mondo è tra i tre vincitori del premio letterario organizzato da Prada e Feltrinelli, “Prada Journal 2014” http://www.prada.com/it/prada-journal/

    Vai alla scheda >>

    Alberto Granado

    Alberto Granado

    Alberto Granado Jiménez (Còrdoba, 1922-L’Avana, 2011) è stato uno scienziato argentino . Invitato dal suo collega Ernesto Guevara de la Serna, nel 1961 emigrò dall’Argentina a Cuba dove fondò la Scuola Medica di Santiago de Cuba. Testimone diretto degli anni giovanili di Che Guevara, con il quale intraprese un lungo viaggio alla scoperta dell’America latina e del quale fu grande amico, i suoi ricordi raccolti nel libro Latinoamericana. Due diari per un viaggio in motocicletta (con Ernesto Che Guevara; Feltrinelli, 1993) sono alla base del film di Walter Salles I diari della motocicletta (Feltrinelli “Real Cinema”, 2004) e del documentario di Gianni Minà In viaggio con Che Guevara.

    Vai alla scheda >>