Ricerca Autori

Autori lettera V

    Juan Gabriel Vásquez

    Juan Gabriel Vásquez

    Juan Gabriel Vásquez è nato a Bogotà nel 1973. Scrittore sudamericano di primissimo piano, tradotto in sedici lingue, ha conseguito un grande successo internazionale di critica e di pubblico con i suoi romanzi. Gli informatori (Ponte alle Grazie, 2009) è stato scelto come uno dei romanzi colombiani più importanti degli ultimi venticinque anni dalla rivista “Semanal”, è arrivato finalista dell’Independent Foreign Fiction Prize e ha attirato gli elogi di autori come Mario Vargas Llosa e John Banville. Storia segreta del Costaguana (Ponte alle Grazie, 2008), magnifico omaggio alla storia colombiana e all’opera di Joseph Conrad, si è aggiudicato il Premio Qwerty a Barcellona e il Premio Fundación Libros & Letras a Bogotà. Il rumore delle cose che cadono (Ponte alle Grazie, 2012), oltre agli elogi di scrittori del calibro di Edmund White e Jonathan Franzen. Si è aggiudicato il Premio Alfaguara 2011, il English Pen Award 2012 e il Premio Gregor von Rezzori-Città di Firenze 2013. Vásquez ha inoltre vinto due volte il Premio Nacional de Periodismo Simón Bolívar e nel 2012 gli è stato assegnato il premio francese Roger Caillois per l’insieme dell’opera. Feltrinelli ha pubblicato Le reputazioni (2014).

    Vai alla scheda >>

    Nicla Vassallo

    Nicla Vassallo

    Nicla Vassallo (1963) è professore ordinario di Filosofia teoretica all’Università di Genova. Collabora con le più importanti riviste internazionali di epistemologia e filosofia analitica e fa parte del consiglio scientifico del Festival della scienza di Genova, del Festival per l’economia interculturale e dell’Osservatorio nazionale sulla salute della donna. Tra le sue numerose pubblicazioni scientifiche ricordiamo alcuni volumi in italiano: Teoria della conoscenza (Laterza, 2003) e Filosofia delle donne (con Pieranna Garavaso; Laterza, 2007), Piccolo trattato di epistemologia (Codice, 2010), Conversazioni (Mimesis, 2012). Ha inoltre curato i volumi collettanei Filosofia della comunicazione (con Claudia Bianchi; Laterza, 2005), Filosofia delle conoscenze (Codice, 2006), Donna m’apparve (Codice, 2009). Feltrinelli ha pubblicato Per sentito dire (2011).

    Vai alla scheda >>

    Vassilis Vassilikos

    Vassilis Vassilikos

    Vassili Vassilikos è uno scrittore, giornalista e poeta greco (Thassos, 1934), costretto all’esilio dal colpo di stato dei colonnelli. Rifugiatosi in Italia ha al suo attivo numerosi libri. Tra il 1981 e il 1984 ha diretto anche l’emittente televisiva greca ERT-1. Feltrinelli ha pubblicato Zeta. L'orgia del potere (1969; in Ue, 2016) da cui Costa-Gavras nel 1969 trasse diretta ispirazione per girare il suo straordinario film omonimo, con Yves Montand, Irene Papas, Jean-Louis Trintignant e le musiche indimenticabili di Mikis Theodorakis.

    Vai alla scheda >>

    Vātsyāyana

    Vātsyāyana

    Vai alla scheda >>

    Gianni Vattimo

    Gianni Vattimo

    Gianni Vattimo (Torino, 1936) è uno dei più importanti e noti filosofi italiani. I suoi studi su Heidegger e Nietzsche hanno avuto risonanza internazionale e, al pari delle sue opere successive, sono state tradotte in varie lingue. Ha curato l’edizione della Garzantina Filosofia (1981). Vattimo collabora con diverse testate italiane e internazionali. Con Feltrinelli ha pubblicato Al di là del soggetto (1981), Il pensiero debole (1990; con Pier Aldo Rovatti) e Verità o fede debole? Dialogo su cristianesimo e relativismo (2015; con René Girard). Sta pubblicando le sue Opere complete con Meltemi, presso cui è uscito anche Addio alla verità (2009).

    Vai alla scheda >>

    Maurizio Vaudagna

    Maurizio Vaudagna

    Vai alla scheda >>

    Jean Vautrin

    Jean Vautrin

    Nato nel 1933 in Lorena, Jean Vautrin, dopo aver frequentato l'Idhec (Institut des hautes études cinématographiques), parte per Bombay dove incontra Roberto Rossellini, del quale diventa subito l'assistente. Nel 1957, al suo ritorno in Francia, lavora con Vincent Minnelli e Jacques Rivette. Tutto questo con il nome di Jean Hermann, che è poi il suo vero nome. Solo a partire dal 1972 comincia ad adottare lo pseudonimo di Jean Vautrin e da quella data i due personaggi coesistono: Herman come sceneggiatore, Vautrin come scrittore.

    Vai alla scheda >>

    Abhijit  V. Banerjee

    Abhijit V. Banerjee

    Abhijit V. Banerjee è professore di Economia al Massachusetts Institute of Technology (MIT). Ha ricevuto diversi premi e onorificenze ed è stato consulente onorario di molte organizzazioni e istituzioni, tra cui la Banca mondiale e il governo indiano. Con Esther Duflo ha fondato nel 2003 l’Abdul Latif Jameel Poverty Action Lab (j-pal), che dirigono assieme. Feltrinelli ha pubblicato L’economia dei poveri (con Esther Duflo; 2012).

    Vai alla scheda >>

    Salvatore Veca

    Salvatore Veca

    Salvatore Veca (Roma, 1943) insegna Filosofia politica alla Scuola Universitaria Superiore Iuss di Pavia, di cui è stato prorettore vicario dal 2005 al 2013. Dal 1999 al 2005 è stato preside della facoltà di Scienze politiche dell’Università di Pavia. Dal 1984 al 2001 è stato presidente della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli di Milano, di cui è presidente onorario. Con Feltrinelli ha pubblicato: Una filosofia pubblica (1986), Cittadinanza. Riflessioni filosofiche sull’idea di emancipazione (1990, 2008), Dell’incertezza. Tre meditazioni filosofiche (1997), Della lealtà civile. Saggi e messaggi nella bottiglia (1998), La bellezza e gli oppressi. Dieci lezioni sull’idea di giustizia (2002, 2010), La priorità del male e l’offerta filosofica (2005), L’idea di incompletezza. Quattro lezioni (2011), Sarabanda. Oratorio in tre tempi per voce sola (2011), L’immaginazione filosofica e altri saggi (2012), Il senso della possibilità. Sei lezioni (2018), Qualcosa di sinistra. Idee per una politica progressista (2019).

    Vai alla scheda >>

    Lino Vecchiato

    Lino Vecchiato

    Vai alla scheda >>

    Tiziano Vecchiato

    Tiziano Vecchiato

    Vai alla scheda >>

    Concetto Vecchio

    Concetto Vecchio

    Concetto Vecchio (1970) è giornalista nella redazione politica di “Repubblica”. Vive a Roma. Ha scritto Vietato obbedire (2005), un saggio sul ’68 alla facoltà di Sociologia di Trento, con cui ha vinto il premio Capalbio e il premio Pannunzio; Ali di piombo (2007), sul movimento del ’77 e il delitto Casalegno; Giovani e belli (2009). Con Feltrinelli ha pubblicato Giorgiana Masi. Indagine su un mistero italiano (2017) e Cacciateli! Quando i migranti eravamo noi (2019).

    Vai alla scheda >>

    Sergio Vecchio

    Sergio Vecchio

    Vai alla scheda >>

    Mario Vegetti

    Mario Vegetti

    Vai alla scheda >>

    Maria Vegni Talluri

    Maria Vegni Talluri

    Vai alla scheda >>

    Vegolosi.it

    Vegolosi.it

    Vegolosi.it è il primo magazine online di cucina e cultura vegetariana e vegana. Diretto da Federica Giordani, ospita tantissime ricette realizzate dallo chef Cristiano Bonolo, ma lascia spazio anche a notizie, video e libri. La redazione di Vegolosi.it organizza eventi, workshop, corsi di cucina e partecipa con laboratori e show cooking a varie manifestazioni sui temi veg. Con Gribaudo hanno già pubblicato, nel 2014, il loro primo libro, Vegolosi, seguito da Dolci vegolosi nel 2015, da Diventare vegetariani o vegani nel 2016 e da Sapori vegolosi nel 2017.

    Vai alla scheda >>

    Claudia Vella

    Claudia Vella

    Vai alla scheda >>

    Pier Mario Vello

    Pier Mario Vello

    Pier Mario Vello è segretario generale della Fondazione Cariplo e membro del Governing Council e del Management Committee dello European Foundation Center. Vello ha ricoperto diverse posizioni dirigenziali in aziende di rilevanza internazionale. Nel corso delle sue ricerche ha sviluppato il modello di gestione e coesione creativa nei gruppi basato sui valori organizzativi e, in campo lavorativo, si è distinto per il significativo apporto nel promuovere una migliore comprensione tra le persone, ottenendo riconoscimenti internazionali. Ha pubblicato con FrancoAngeli Editore L’impresa del terzo millennio (1995), Da reattivi a creativi (1995), La direzione per politiche creative (1997), Il percorso strategico creativo (2000), Fondazioni di origine bancaria: innovazione ed evoluzione (2009), Managerialità delle fondazioni di origine bancaria (2011). Per Feltrinelli ha pubblicato La società generosa (con Martina Reolon; 2014).

    Vai alla scheda >>

    Walter Veltroni

    Walter Veltroni

    Walter Veltroni è nato a Roma nel 1955. Eletto deputato per la prima volta nel 1987 nelle liste del PCI, è, con Occhetto, tra i protagonisti della svolta che porterà alla nascita del Partito Democratico della Sinistra. Direttore dell'‟Unità” dal 1992 al 1996, nel 1999 è eletto deputato al Parlamento europeo.
    Dal 2001 è sindaco di Roma.

    Vai alla scheda >>

    Luca Vendruscolo

    Luca Vendruscolo

    Luca Vendruscolo (1966) è regista e sceneggiatore. Fa parte di un sodalizio artistico con Giacomo Ciarrapico e Mattia Torre. Iniziano a collaborare tra il 1998 e il 2003, alternandosi ai ruoli di regista e sceneggiatore in film come Piccole anime, Per tutto il tempo che ci resta e Piovono mucche. Nel 2007 il trio dirige la prima fortunata stagione di Boris, mentre nella seconda si ritagliano il ruolo di autori, continuando ad alternarsi alla regia. Nel 2010 dirigono insieme Boris – Il film, il primo lungometraggio tratto dalla serie. Per Feltrinelli “Le Nuvole” Boris 2. Il ritorno (con Giacomo Ciarrapico e Mattia Torre; 2011).

     

     

    Vai alla scheda >>

    Milka Ventura

    Milka Ventura

    Vai alla scheda >>

    F. Venturi

    F. Venturi

    Vai alla scheda >>

    Claudia Venturini

    Claudia Venturini

    Vai alla scheda >>

    Attilio Veraldi

    Attilio Veraldi

    Vai alla scheda >>

    Grazia Verasani

    Grazia Verasani

    Grazia Verasani (Bologna, 1964) è scrittrice, autrice teatrale e cantautrice. Ha esordito giovanissima con alcuni racconti apparsi su “il manifesto”. Ha pubblicato numerosi romanzi, tra cui Tutto il freddo che ho preso (Feltrinelli, 2008) e Mare d’inverno (Giunti, 2014). Nella serie “Le indagini di Giorgia Cantini”, tradotta in Francia, Germania e Russia: Quo vadis, baby? (da cui il regista Gabriele Salvatores ha tratto l’omonimo film nel 2005 e una serie tv), Velocemente da nessuna parte, Di tutti e di nessuno (tutti e tre in Universale Economica Feltrinelli), Cosa sai della notte? (Feltrinelli, 2012) e Senza ragione apparente (2015). La sua opera teatrale From Medea-Maternity Blues (Sironi, 2004), più volte rappresentata in Italia e all’estero, è diventata un film presentato alla Mostra del cinema di Venezia 2012 e vincitore di numerosi premi. Ha studiato pianoforte classico e nel 1995 ha vinto il Premio Città di Recanati per la canzone d’autore, cui sono seguiti il cd Nata mai e il più recente Sotto un cielo blu diluvio.

    Vai alla scheda >>

    Verba Volant

    Verba Volant

    Vai alla scheda >>

    Horacio Verbitsky

    Horacio Verbitsky

    Horacio Verbitsky, nato in Argentina nel 1942, giornalista e politologo, è uno dei principali esponenti del movimento argentino per la difesa dei diritti umani e tra i responsabili di Human Rights Watch/ Americas. Dopo il golpe militare del 1976 entra a far parte di un'agenzia clandestina che diffonde le prime informazioni sui campi di concentramento della dittatura, e con i suoi scritti ha più volte denunciato le atrocità commesse dagli uomini che hanno governato il paese durante il regime militare e i silenzi di chi li ha coperti negli anni successivi. Collaboratore di ‟El País”, ‟New York Times” e ‟Wall Street Journal”, insegna alla Fundación para un Nuevo Periodismo Iberoamericano fondata da Gabriel García Márquez. Feltrinelli ha pubblicato Il volo nel 1996.

    Vai alla scheda >>

    Kris Verburgh

    Kris Verburgh

    Kris Verburgh (1986), laurea in Medicina, è esperto di neuroscienze e biogerontologia. All’età di venticinque anni il dottor Verburgh era già autore di tre libri scientifici. Il primo, scritto all’età di diciassette anni, ricevette una nomination per l’Eureka Science Prize, il più importante premio letterario per libri di non-fiction in Belgio e Paesi Bassi. Con La clessidra alimentare (Urra, 2013) è stato insignito del titolo onorifico di Most Important Belgian del 2012.

    Vai alla scheda >>

    Carlo Verdelli

    Carlo Verdelli

    Carlo Verdelli è stato il primo direttore editoriale per l’offerta informativa nella storia della Rai. Oggi è direttore di “Repubblica”. È stato vicedirettore di “Epoca” e del “Corriere della Sera”, ha diretto “Sette”, “Vanity Fair” e la “Gazzetta dello Sport”. Ha pubblicato I sogni belli non si ricordano (Garzanti, 2014) e Roma non perdona. Come la politica si è ripresa la Rai (Feltrinelli, 2019).

    Vai alla scheda >>

    Nicola Verderame

    Nicola Verderame

    Vai alla scheda >>

    Vera Verdiani

    Vera Verdiani

    Vai alla scheda >>

    Giovanni Verga

    Giovanni Verga

    Giovanni Verga nasce a Catania nel 1840, da una famiglia di proprietari terrieri di Vizzini. Si iscrive nel 1858 alla facoltà di Giurisprudenza, ma senza portare a termine gli studi. Si dedica invece precocemente alla letteratura e alla pubblicistica: compone fra il 1856 e il 1861 due romanzi, Amore e patria, rimasto inedito, e I carbonari della montagna, stampato a proprie spese.
    Nel 1863 pubblica il romanzo Sulle lagune in una rivista fiorentina e a Firenze si reca nel suo primo viaggio importante, nel 1865. Nel 1866 esce Una peccatrice e nel 1871 Storia di una capinera, il suo primo vero successo di pubblico. Intanto soggiorna sempre più a lungo a Firenze, dove frequenta l'ambiente intellettuale. Dal 1872 si stabilisce a Milano, con qualche breve ritorno in Sicilia, ma intraprende anche viaggi all'estero, a Parigi, a Londra e in Germania. È il periodo di più intensa attività compositiva: dai romanzi Eva, Tigre reale, Eros, ai primi esperimenti di realismo con Nedda (1874) e altre novelle.
    La grande stagione creativa verghiana dura circa dieci anni, dal 1880 al 1889, comprendendo fra l'altro le raccolte Vita dei campi, Novelle rusticane, Per le vie, e i romanzi I Malavoglia, Mastro-don Gesualdo, primi due del progettato ciclo dei Vinti, che l'autore non riuscì tuttavia a proseguire (sono rimaste solo poche pagine del terzo romanzo previsto, La duchessa di Leyra). Risale a questo periodo anche il maggior successo teatrale, la trasposizione della novella Cavalleria rusticana, che andò in scena a Torino nel 1884.
    Dal 1893 ritorna a dimorare a Catania. Comincia a diradarsi la composizione letteraria: escono ancora alcune raccolte di novelle e qualche opera teatrale, fra cui la più rilevante è Dal tuo al mio (1903). Conduce per anni una vita appartata, finendo con l'essere dimenticato. Soltanto nel 1920 viene pubblicamente festeggiato per gli ottant'anni e nominato senatore. Muore nel 1922. Feltrinelli ha pubblicato nei “Classici” Novelle (1992, 2013), I Malavoglia (1993), Mastro don Gesualdo (1995) e Storia di una capinera (2011).

     


     

    Vai alla scheda >>