A cento anni dalla Rivoluzione d’Ottobre, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli prosegue nella propria indagine sull’identità europea con una mostra dal titolo 1917-2017: Una storia europea chiamata Rivoluzione. Le idee, l’economia e la propaganda: un viaggio politico e sociale per una riflessione tra Russia e Europa su modelli, linguaggi e immaginari che, a partire da uno dei momenti che più hanno segnato il Novecento, hanno condizionato le nostre categorie di lavoro, progresso e felicità sociale.
Volumi, periodici, manifesti, affiches, spezzoni di pellicole del cinema russo e opere interattive e animate: nella mostra, articolata in tre tappe a ingresso gratuito, un racconto per documentare la storia culturale, economica, sociale, politica e anche visiva dei percorsi e degli immaginari attivati dalla Rivoluzione d’Ottobre, per raccontare il confronto stretto tra Russia e Europa nel corso del Novecento.
Esposta per la prima volta una selezione dell’eccezionale patrimonio documentale russo e sovietico della Fondazione, arricchito di recente dalla Collezione Alberto Sandretti e considerato tra le più importanti collezioni esistenti in Europa, conserva oltre 14.000 monografie, 300 testate di periodici, più di 4000 manifesti e 10.000 cartoline. Valorizzano i ricchi apparati iconografici del patrimonio esposto alcune opere interattive e animate dedicate all’utopia sovietica, a cura di CamerAnebbia, e una proposta di montaggi del cinema russo, dalle sperimentazioni di Ejzenstejn e Vertov ai musical propagandistici di Aleksandrov.
Le idee ispiratrici del fenomeno rivoluzionario sono al centro del primo percorso, dal 7 novembre, lo sviluppo economico fra industrializzazione e modernizzazione del secondo ciclo espositivo dal 24 novembre e, infine, le modalità di propaganda e l’autorappresentazione del mondo sovietico dal 5 dicembre.

Per maggiori informazioni sul programma della mostra clicca qui.

Torna alle altre news >>