Descrizione

Sei settimane di silenzio forzato.
Un incubo, per chi come Carla Díaz non sa tacere un secondo.
Di indole fortemente comunicativa, Carla vive di parole, non solo per il bisogno di condividere i propri stati d’animo con chi le è vicino, ma anche per lavoro, essendo una presentatrice radiofonica. Quando un’operazione alle corde vocali la costringe a rimanere in silenzio per ben sei settimane, per giunta proprio in un momento di crisi personale e professionale, per Carla – pessimista di natura – è la fine del mondo. 
Costretta a non parlare, ma incapace di restare in silenzio, come potrà esternare pensieri ed emozioni e mantenere i rapporti con gli altri?
Aiutata da whatsapp, email e bigliettini e armata di una buona dose di inventiva e di autoironia, Carla scoprirà di saper comunicare come non aveva mai fatto prima. Fino a trovare, mettendosi veramente in ascolto, la propria vera voce. 
Una storia fresca e originale, con un messaggio positivo e ottimista. Dopo il successo di I baci non sono mai troppi, il nuovo, appassionante romanzo di Raquel Martos.

Vai alla pagina aumentata!

Video

Conosci l’autore

Raquel Martos

Raquel Martos, giornalista, scrittrice e soggettista, è nata a Madrid. Dopo una laurea in Scienze della comunicazione, ha collaborato con numerosi programmi radiofonici, ha lavorato come creativa in pubblicità e ha scritto testi per il teatro. Da alcuni anni è uno dei volti principali del celebre programma televisivo "El Hormiguero" su Antena 3. Feltrinelli ha pubblicato I baci non sono mai troppi (2013; Ue, 2014), il suo primo romanzo, E Alla fine andrà tutto bene (e se non va bene… non è ancora la fine) (2014).

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Giugno, 2014
Collana: 
I Narratori
Pagine: 
272
Prezzo: 
15,00€
ISBN: 
9788807030925
Genere: 
Narrativa 
Traduttore: 
Enrica Budetta