Descrizione

In una fredda sera di dicembre, Ishibashi Yoshino saluta le amiche per andare a incontrare un uomo contattato su un sito per appuntamenti vicino a un parco, nella città di Fukuoka. Il mattino successivo, il cadavere della giovane viene rinvenuto nei pressi del valico di Mitsuse, un luogo impervio e inquietante: è stata strangolata. Chi ha ucciso Yoshino? Chi doveva incontrare al parco? Perché la cronologia delle chiamate e dei messaggi del suo cellulare racconta una storia diversa da quella che conoscono gli amici e i familiari?La morte violenta di una giovane innesca un intreccio di narrazioni accomunate dal senso di solitudine, dalla difficoltà di vivere in una società sempre più complessa, dalla desolazione dei paesaggi urbani, dall’incapacità di amare.

“Yoshida è stato paragonato a Stieg Larsson per l’abbinamento di crimini raccapriccianti e critica sociale, ma il suo tono è meno sensazionalistico, più melanconico. Yoshida mette in scena la crudeltà e l’alienazione a tutti i livelli della società giapponese.” The New Yorker

“Un avvincente thriller psicologico che mostra un Giappone molto diverso da quello scintillante a cui siamo abituati.” The Financial Times

L’uomo che voleva uccidermi è un giallo superlativo, con colpi di scena sorprendenti.” The Sunday Times

“Un romanzo struggente e inquietante sulla solitudine, le menzogne. Fortemente raccomandato.” The Guardian

Questa è la storia di un delitto, di un omicida e di una fuga disperata, ma non è un semplice poliziesco.
È uno spaccato della società giapponese, un romanzo psicologico che indaga le ragioni che spingono una persona a uccidere e, infine, è la storia di un amore impossibile.

 

Recensioni d'autore

  • Un'analisi cruda del Giappone contemporaneo.

  • Noir psicologico in salsa giapponese.

  • Un noir davvero atipico. Che è anche spietata analisi della moderna società giapponese e struggente romanzo d'amore.

  • Romanzo cult sull'incapacità di amare. La storia di un delitto che ha venduto oltre un milione di copie ed ha avuto pure una trasposizione al cinema del regista nippo coreano Lee Sang.

Conosci l’autore

Shūichi Yoshida

Yoshida Shūichi è nato a Nagasaki nel 1968 e ha studiato Economia alla Hosei University di Tōkyō. Ha vinto il premio Bungakakai per il primo romanzo nel 1997 e il premio Akutagawa nel 2002 con Park Life. Con L’uomo che voleva uccidermi (Feltrinelli 2018) si è aggiudicato i premi Osaragi Jiro e Mainichi Publishing Culture Award, inoltre il romanzo è stato adattato al grande schermo nel 2010 da Lee Sang-il. Appartamento 401 (Feltrinelli, 2019) gli è valso il premio Yamamoto Shūgoro nel 2002 - vinto in passato tra gli altri, da Banana Yoshimoto nel 1989 con Tsugumi - ed è stato portato al cinema dal regista Isao Yukisada nel 2009, aggiudicandosi il Premio Fipresci alla sessantesima edizione del Festival di Berlino.

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Gennaio, 2017
Collana: 
I Narratori
Pagine: 
336
Prezzo: 
17,00€
ISBN: 
9788807032271
Genere: 
Narrativa 
Traduttore: 
Gala Maria Follaco