Muhammad Yunus, il "banchiere dei poveri" che ha inventato il microcredito, ha dichiarato: "Il SIMputer sarà una lampada di Aladino nelle mani dei poveri". Da "La Stampa": "Quattro informatici indiani hanno inventato un computer portatile e a basso costo utilizzabile anche dagli analfabeti e pensato per informatizzare le masse rurali del Sud del mondo. L'oggetto ha l'aspetto di un palmare, è dotato di un sistema di riconoscimento vocale, adotta il sistema operativo gratuito Linux, garantisce l'accesso a Internet e costerà solo 9000 rupie, circa 180 euro. Si chiama SIMputer, acronimo di Simple, Inexpensive, Multi-lingual computer. Ovvero un computer semplice ed economico, gli aggettivi che descrivono la filosofia che anima i quattro informatici del prestigioso Istituto indiano per le scienze, alla ricerca di un modo di sconfiggere il digital divide, il divario tecnologico tra i ricchi e i più poveri."
Muhammad Yunus

Muhammad Yunus

Muhammad Yunus, nato e cresciuto a Chittagong, principale porto mercantile del Bengala, laureato in Economia, ha insegnato all’Università di Boulder, Colorado, e alla Vanderbilt University di Nashville, Tennessee. Ha poi diretto il dipartimento di Economia dell’Università di Chittagong. Nel 1977 ha fondato la Grameen Bank, un istituto di credito indipendente che pratica il microcredito senza garanzie. Oggi Grameen, oltre a essere presente in migliaia di villaggi del Bangladesh, è diffusa in decine di paesi in ogni parte del mondo. Yunus ha ricevuto la laurea honoris causa dell’Università di Firenze nel 2004. Feltrinelli ha pubblicato Il banchiere dei poveri (1998), Un mondo senza povertà (2008), Si può fare! Come il business sociale può creare un capitalismo più umano (2010), Un mondo a tre zeri (2018) e, nella collana digitale Zoom, La promessa del business sociale (2013). Yunus ha vinto il premio Nobel per la pace nel 2006.

Vai alla scheda >>

Torna alle altre news >>