Descrizione

Pare che l’espressione “piantare in asso” si debba a Teseo che, uscito dal labirinto grazie all’aiuto di Arianna, anziché riportarla con sé da Creta ad Atene, la lascia sull’isola di Naxos. In Naxos: in asso, appunto.
Proprio sull’isola di Naxos, l’inquieta e misteriosa protagonista di questo romanzo sente l’urgenza di tornare. È lì che, dieci anni prima, in quella che doveva essere una vacanza, è stata brutalmente abbandonata da Stefano, il suo primo, disperato amore, e sempre lì ha conosciuto Di, un uomo capace di metterla a contatto con parti di sé che non conosceva e con la sfida più estrema per una persona come lei, quella di rinunciare alla fuga. E restare.
Ma come fa una straordinaria possibilità a sembrare un pericolo? Come fa un’assenza a rivelarsi più potente di una presenza?
Che cosa è davvero finito, che cosa è cominciato su quell’isola?
Solo adesso lei riesce a chiederselo, perché è appena diventata madre, tutto dentro di sé si è allo stesso tempo saldato e infragilito, e deve fare i conti con il padre di suo figlio e con la loro difficoltà a considerarsi una famiglia. Anche se non lo vorrebbe, così, è finalmente pronta per incontrare di nuovo tutto quello che si era abituata a dimenticare, a cominciare dal suo nome, dalla sua identità più profonda…
Dialogando con il mito sull’abbandono più famoso della storia dell’umanità e con i fumetti per bambini con cui la protagonista interpreta la realtà, Chiara Gamberale ci mette a tu per tu con le nostre fatali trasformazioni, con il miracolo e la violenza della vita, quando irrompe e ci travolge, perché qualcuno nasce, qualcuno muore, perché un amore comincia o finisce. Un romanzo coraggioso sulla paura che abbiamo di perdere il filo, il controllo della nostra esistenza: mentre è proprio in quei momenti – quando ci abbandoniamo a quello che non avevamo previsto – che rischiamo di scoprire davvero chi siamo.

“Se sapessimo di che cosa  abbiamo bisogno, non avremmo bisogno dell’amore.”

Video

Recensioni d'autore

  • Una riflessione sull'amore che si consuma.

  • Navigando verso l'isola dell'abbandono Chiara Gamberale racconta le donne.

  • In una dimensione che rimanda al mito la crescita di una donna oltre l'incapacità di aprirsi alla vita.

  • L'isola dove (ri)trovare se stessi.

  • Gamberale indaga in profondità le pieghe dell'amore...

  • Ed è dentro le scansioni del dramma che la protagonista acquista nuova coscienza e cresce disfacendo nodi...

  • Ripartire si può, per chi si sente "piantato in asso" come una certa Arianna.

  • Un romanzo che parla di attrazioni, di fughe, di addii, arrivando dritto al cuore.

  • Come la fanciulla del mito, anche la protagonista del nuovo romanzo di Chiara Gamberale viene abbandonata su un'isola greca. Ma i suoi incontri sbagliati non sono, ahilei, ancora finiti.

  • Romanzo carnale, poetico e psicanalitico che contiene in sé la strada e ci costringe a dire: e io?

  • Un romanzo profondo e coraggioso sull'abbandono, il dolore più profondo con cui tutti, prima o poi, dobbiamo fare i conti.

  • Una nuova Arianna viene abbandonata su Naxos, ma il suo è un Teseo angosciato, che ha ben poco di eroico, che vive il sentimento amoroso nel tormento (vissuto e inferto).

  • Riesce, ancora una volta, ad affondare nelle pieghe dell'autobiografia per riemergerne con una storia universale propria di questo nostro tempo...

  • Chiara Gamberale è tornata.

  • L'abbandono come una straordinaria occasione per ritrovarci e capire finalmente chi siamo.

  • Strugge e fa venire voglia di amare ancora.

  • Una storia sulla paura che tutti abbiamo di perdere il controllo della nostra esistenza.

  • Gamberale ci mette a tu per tu con la vita.

  • Ho letto il nuovo romanzo di Chiara Gamberale tutto d'un fiato.

  • Ci sono scrittori che danno l'impressione di sedersi davanti a te e raccontarti una storia. Una storia che ti riguarda, che parla anche di te.

  • Ci porta nel labirinto delle emozioni.

Conosci l’autore

Chiara Gamberale

Chiara Gamberale è nata nel 1977 a Roma, dove vive. Con Feltrinelli ha pubblicato Per dieci minuti (2013), Adesso (2015), L'isola dell'abbandono (2019), le nuove edizioni de La zona cieca (premio Campiello Giuria dei letterati 2008) e dell’opera d’esordio Una vita sottile. Ha scritto inoltre, fra gli altri, Le luci nelle case degli altri (2010) e Qualcosa (2017). I suoi libri sono tradotti in sedici paesi. È autrice e conduttrice di programmi televisivi e radiofonici. Collabora con diverse testate giornalistiche.

 

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Febbraio, 2019
Collana: 
I Narratori
Pagine: 
224
Prezzo: 
16,50€
ISBN: 
9788807033407
Genere: 
Narrativa 
Illustratore: 
Silvia Ziche