Descrizione

Il 19 marzo 1944 le truppe naziste invadono l’Ungheria. La guerra va male per la Germania e Hitler teme l’abbandono dell’Asse da parte del governo di Miklós Horthy. A Budapest si installa un dipartimento per la “soluzione del problema giudaico” agli ordini del colonnello delle ss Adolf Eichmann. Nel paese opera da anni un’organizzazione sionista – la Vaada – che offre assistenza agli ebrei dell’Europa centrale e balcanica. Una vasta rete di soccorso diretta dai coniugi Joel e Hansi Brand e da Rudolf Kasztner. In aprile Eichmann propone alla Vaada la “vendita” alle potenze alleate di un milione di ebrei in cambio di merci e danaro. Se l’accordo non andrà in porto, i tedeschi li spediranno nei campi della morte. Tra le alte gerarchie naziste – Heinrich Himmler in testa, il Reichsführer delle ss che ha architettato il piano “Blood for Money” – si sta diffondendo il panico per l’imminente disfatta militare. Le truppe sovietiche e anglo-americane avanzano su tutti i fronti e i capi del Reich germanico pensano già ad assicurarsi una via di fuga in America Latina. Inizia così l’avventura di Brand per tentare di salvare gli israeliti presenti sul territorio ungherese, una drammatica corsa contro il tempo che si svilupperà tra Europa, Turchia e Medio Oriente. È una storia in gran parte inedita che Fabio Amodeo e Mario José Cereghino raccontano sulla base di un’ampia indagine realizzata negli Archivi nazionali britannici di Kew Gardens, dove sono conservati centinaia di documenti del Foreign Office, del ministero del Tesoro e del Premier’s Office, carte classificate confidential, secret e top secret. Un episodio del secondo conflitto mondiale, dai risvolti imprevedibili per le grandi potenze, che vede in prima linea le ss, il movimento sionista e i governi di Stati Uniti, Gran Bretagna e Unione Sovietica. Tra servizi di intelligence, intrighi politici e finanza internazionale.

Conosci l’autore

Fabio Amodeo

Fabio Amodeo (1945-2016), giornalista e scrittore, ha lavorato in vari quotidiani e periodici italiani. È stato docente di Storia della fotografia all’Università di Trieste. Ha pubblicato: Il gatto (Mondadori, 1991), TuttoIstria (Lint, 1998), Veneto. Immagini del Novecento dall’archivio del Gazzettino (Motta, 1999), Un secolo di industria triestina (Alinari, 2003), Trieste 30 aprile 1945 (Libreria Editrice Goriziana, 2008). Con Mario José Cereghino ha scritto Trieste e il confine orientale tra guerra e dopoguerra 1941-1954 (Editoriale Fvg, 2008), La lista di Eichmann. Ungheria 1944: il piano nazista per vendere un milione di ebrei agli Alleati (Feltrinelli, 2013) e Lawrence d’Arabia e l’invenzione del Medio Oriente (2016).

Scopri di più >>

Mario José Cereghino

Mario José Cereghino si occupa di archivi statunitensi e britannici. Ha pubblicato Che Guevara Top Secret (con Vincenzo Vasil; Bompiani, 2006), Tango Connection (con Giuseppe Casarrubea; Bompiani, 2007), La fine (con Giorgio Cavalleri e Franco Giannantoni; Garzanti, 2009), Lupara nera (con Giuseppe Casarrubea; Bompiani, 2009), Il golpe inglese (con Giovanni Fasanella; Chiarelettere, 2011). Con Fabio Amodeo ha scritto Trieste e il confine orientale tra guerra e dopoguerra 1941-1954 (Editoriale Fvg, 2008), La lista di Eichmann. Ungheria 1944: il piano nazista per vendere un milione di ebrei agli Alleati (Feltrinelli, 2013) e Lawrence d’Arabia e l’invenzione del Medio Oriente (2016).

Scopri di più >>

Extra

Dettagli

Marchio: 
FELTRINELLI
Data d’uscita: 
Gennaio, 2013
Collana: 
Storie
Pagine: 
216
Prezzo: 
16,00€
ISBN: 
9788807111242
Genere: 
Saggistica