La Roma organizzata, ospitale e paziente che esce indenne da questi lunghi e specialissimi giorni è una capitale del mondo, di nome e di fatto. La magnificenza delle immagini aeree, monumentali e brulicanti, con un Tevere parallelo di corpi che fluiva tra le pietre antiche e sopra i ponti, dava un’idea d’ordine e di pace che rassicurava anche gli scettici e i distanti, e un poco inorgogliva. Era come se lo tsunami del pellegrinaggio di massa, non importa in quale dosaggio di fede e in quale di fregola presenzialista, fosse già previsto dalla struttura stessa, enorme e prospettica, della capitale del cristianesimo nonché del nostro vecchio Paese.Così che la demofobia (paura della folla) potesse cedere il passo a una tranquilla e quasi familiare meraviglia.Le voci di speculazioni e rincari (il pellegrinaggio è anche un’antica e fiorente industria) fanno parte del fisiologico e cinico campare di una megalopoli turistica e bottegaia, ma Comune, Prefettura, Protezione civile, polizie e pulizie, volontariato, cittadinanza hanno retto la dura prova con i nervi saldi, e volendo dirla politicamente hanno davvero saputo, di fronte al mondo, "farsi Stato".La prova smentisce molti luoghi comuni sulla città slabbrata e indifferente, o forse spiega che slabbratezza e indifferenza, e le maglie larghe della sopportazione, e il famoso cinismo romano, sono il portato di una lunghissima storia aperta, e non limiti di una chiusa grettezza municipale. Averne viste tante e forse troppe, come si usa dire, evidentemente non significa chiudersi agli eventi storici e anzi allena a considerarli compatibili con la vita quotidiana di una città abituata ad appartenere al mondo, che si porta in spalle il papato, quando non con partecipata fede, con serafica dimestichezza. E comunque sia, la Roma mondiale di questi giorni aiuta a capire (e non è un dettaglio, no che non lo è) quanto gli insulti provinciali a lei rivolti, il rancore da contado di certa Italietta periferica abbiano pesantemente influito sul recente voto degli italiani, molti dei quali sono stufi e disgustati dello sfascismo antiromano degli ultimi anni. Essere antiromani - all’osso - significa essere antitaliani, disconoscenti la nostra storia, cultura e natura, e significa anche, di conseguenza, essere antistatali e antirepubblicani: e il nostro spirito nazionale, evidentemente, è ancora troppo giovane e troppo fragile per poter permettere agli ultimi arrivati di ferirlo così a buon prezzo da poter portare al governo del paese perfino il piccolo partito nato in odio a "Roma ladrona".Roma ha retto l’urto della folla e ricevuto il potere mondiale quasi al completo, facendosi teatro globale. Lo spettacolo è certamente stato accolto da ciascuno secondo la propria fede, o il proprio scetticismo, compiacendo il grandioso gusto scenico (neo-controriformista) del cattolicesimo, lasciando forti perplessità in chi ritiene che la spiritualità preferisca sedi più private, e discrete. Ma è stato comunque uno spettacolo potentissimo e gestito dalla città con civile disposizione d’animo, organizzazione politica, cura organizzativa. Che una città sappia essere capitale dell’umanità e venga discussa e spregiata come capitale d’Italia è uno dei grandi paradossi di questo scorcio, non memorabile, di storia italiana.
Michele Serra

Michele Serra

Michele Serra Errante è nato a Roma nel 1954 ed è cresciuto a Milano. Ha cominciato a scrivere a vent’anni e non ha mai fatto altro per guadagnarsi da vivere. Scrive su “la Repubblica” e “L’Espresso”. Scrive per il teatro e ha scritto per la televisione. Ha fondato e diretto il settimanale satirico “Cuore”. Per Feltrinelli ha pubblicato, tra l’altro, Il nuovo che avanza (1989), Poetastro (1993), Il ragazzo mucca (1997), Canzoni politiche (2000), Cerimonie (2002), Gli sdraiati (2013), Ognuno potrebbe (2015), Il grande libro delle Amache (2017), La sinistra e altre parole strane (2017) e Le cose che bruciano (2019).

Vai alla scheda >>

Torna alle altre news >>